Patrimonio Caduto

Quando già il quotidiano La Nazione mandava in rotativa la notizia che otto proprietari di altrettanti cavalli, sarebbero stati rinviati a giudizio per maltrattamento di animali, la Giunta Comunale di Siena approvava una Delibera ove si chiedeva all’ UNESCO il riconoscimento del Palio quale Patrimonio Immateriale dell’Umanità. Entro il marzo 2011 il Ministero dei Beni Culturali, una volta ricevuta la richiesta, dovrà inviare la pratica alla Segreteria Patrimonio Materiale dell’Unesco a Parigi. Gli stessi Uffici ministeriali avrebbero però suggerito di inviare prima la richiesta in modo che già alla fine di febbraio la Segreteria dell’Unesco avrà tutto sul suo tavolo.

Siena e non solo, dal momento in cui anche la Giostra del Saracino di Arezzo, con una Delibera del Consiglio Comunale dello scorso giugno, si è candidata. Lo stesso suggerimento sui tempi sarebbe stato dato anche per Arezzo, al quale si è anche raccomandato di non insistere troppo su alcuni dettagli della giostra (ovvero colpire l’ottomano) per non turbare la sensibilità del rappresentante turco presso l’Unesco. Cose sulle quali soltanto noi italiani riusciamo ad incartarci. Appena Arezzo rende nota la notizia arriva anche il priore del Palio dei Normanni di Piazza Armerina, in provincia di Enna. Chiede al Comune di inoltrare la pratica per il riconoscimento dell’UNESCO. Del resto la sua manifestazione è inserita nell’elenco siciliano, quello che potrebbe servire ad essere esenti dall’applicazione della già poco utile legge contro i maltrattamenti di animali. Vi ricordate il Palio dei Normanni? E’ quello della polemica del compianto Emilio Nessi ed i cavallo azzoppato che sarebbe finito in un …. banchetto! Il Comune, ovviamente, smentì fermamente ma la tentazione è troppo forte per non chiedersi cosa in questo caso il Ministero avrebbe consigliato di non sottolienare.

L’Unesco rilascia l’importante riconoscimento sottolineando molto l’avvenuto superamento dei contrasti. Trasformare un conflitto in una possibilità di dialogo. Siamo certi che il Palio di Siena e la Giostra del Saracino, possono conciliarsi anche con l’animo di tutti gli italiani? Per alcuni evidentemente si. Corse di cavalli dalle mille accesissime polemiche rappresenteranno invetibabilmente tutti gli italiani e la loro cultura.
Gli Uffici del Ministero per i Beni Culturali, così come avrebbero suggerito ad Arezzo di stare attenti all’ottomano colpito, avrebbero anche sottolineato a Siena di documentare per benino le norme poste a sicurezza dei cavalli. Chissà perchè. Forse perchè il Palio può essere pericoloso..?

E’ inoltre giusto che si chieda a Siena, come ad Arezzo, di dare un giudizio sull’uso del cavallo? Parleranno loro, gli organizzatori. Escluderanno loro ogni conflitto. Chi altri dovrebbe pensarci? Forse l’Ordinanza del Ministero della Salute che ne ha riconosciuto il valore storico da proteggere, dando così ancor più legittimità dall’esclusione dal campo di azione della legge maltrattamenti? Ci manca ora solo il suggello dell’UNESCO. Non solo i Palii ce li terremo per sempre ma, in un certo senso, ovunque andremo, ci rappresenteranno pure. Un po come per (tutti) gli spagnoli lo è già la corrida. Sia che a favore che contro. Noi ti proponiamo un’altra strada.

SE CONDIVIDI IL NOSTRO PENSIERO, COMPILA IL FORM ED INVIA (FORM E INVIO SOSPESI VEDI SOTTO). ARRIVERA’ ALL’ UNESCO ED AL NOSTRO MINISTERO PER I BENI CULTURALI ED AMBIENTALI. CI SIAMO DATO COME PRIMA SCADENZA QUELLA DEL 31 MARZO, QUANDO CIOE’ SCADONO I TEMPI DI PRESENTAZIONE DELLA PRATICA ALL’ UNESCO.

VITTORIA: IL PALIO DI SIENA NON SARA’ PATRIMONIO DELL’UNESCO  (VEDI ARTICOLO).
L’INVIO DI LETTERE DI PROTESTA SI CONCLUDE.
GRAZIE A TUTTI COLORO CHE HANNO CONDIVISO QUESTA BATTAGLIA DI CIVILTA’. 


Scarica il dossier in formato pdf

VITTORIA! Il Palio di Siena non sarà Patrimonio Immateriale dell’UNESCO

Patrimonio caduto
06 aprile 2011 | GEAPRESS - Ci piace pensare che le migliaia di italiani (senesi compresi) abbiano avuto ragione nel firmare l'invito promosso da GeaPress  per gli uffici parigini dell'UNESCO e al Ministro per i Beni Culturali italiano (vedi PATRIMONIO CADUTO). Chiedevamo di non accettare le candidature per il riconoscimento come Patrimonio Immateriale dell'Umanità del Palio di Siena ed altre competizioni equestri cosiddette di "tradizione". Ad ogni modo, stante le esternazioni che in ambito PD sono ...
Leggi tutto 40 commenti

La rossa di Siena – oggi il palio arriva all’UNESCO

brambilla
Firma l'appello di GeaPress.
31 marzo 2011 | GEAPRESS – Nel silenzio più totale o quasi, si conclude oggi l'iter ministeriale che consegnerà alla segreteria dell'UNESCO la proposta del Comune di Siena di avere riconosciuto il suo Palio quale Patrimonio Immateriale dell'Umanità. Ovvero, ci potremo scordare per sempre di avere in futuro se non la chiusura almeno la riduzione dei Palii con cavalli italiani, già ben protetti dalla legge contro (sic!) i maltrattamenti di animali e dall'Ordinanza del Sottosegretario alla Salute Francesca M...
Leggi tutto 49 commenti

Oristano: ho sentito le ossa del cavallo che si spezzavano (foto)

COP
Il racconto di un turista terrorizzato nel Palio protetto per Ordinanza superiore. Intervento del Comitato Europeo Difesa Animali.
16 marzo 2011 | GEAPRESS - Secondo quanto appena diffuso dal Sottosegretaro alla Salute Francesca Martini (vedi articolo GeaPress) dovrebbero essere protetti quei Palii di cavalli che non uccidono le tradizioni, ovvero rispettano la sua Ordinanza. Non risulta che per la corsa di cavalli de la Sartiglia di Oristano, svoltasi nei giorni scorsi, vi siano state prese di posizione del Ministero. Dunque, forse, tutto ok. Ecco, allora, nel racconto di un inorridito turista scandinavo che ha scattato le foto allegat...
Leggi tutto 20 commenti

Palio di Ronciglione e la condanna della Martini. Lazio no, Lombardia si

Ronciglione Tiffany
Come le corride in Spagna, nel nostro paese si stanno istituzionalizzando le corse di cavalli.
16 marzo 2011 | GEAPRESS - Secondo il comunicato diffuso dal Ministero della Salute, le responsabilità del Comune di Ronciglione (VT) sul tragico palio dei giorni scorsi costato la vita alla cavalla Tiffany, sarebbero da ricondursi alle gravi inadempienze del Comune. Questo è stato deciso nel corso della riunione svoltasi ieri mattina al Ministero ed alla quale hanno preso parte la Prefettura di Viterbo, il Comando del NAS, l’Avvocatura dello Stato, gli esperti dell’UNIRE e la Direzione Generale compet...
Leggi tutto 3 commenti

Il Palio di Ronciglione e la politica del non uso

Sottosegretario Martini
15 marzo 2011 | GEAPRESS – A distanza di otto giorni dal tragico Palio di Ronciglione dove la cavalla Tiffany è morta infilzata in un tubolare metallico, le due più significative presenze nel Governo italiano in tema di difesa degli animali, fanno finalmente capolino con le loro dichiarazioni. Per il Ministro Brambilla la platea è quella di Domenica 5 dove, facendo giusto riferimento al danno d'immagine del nostro paese, ha proposto di vietare per sempre palii e tradizioni popolari che comportano il maltra...
Leggi tutto 6 commenti

Oristano: tre cavalli morti alla Sartiglia

Sartiglia
14 marzo 2011 | GEAPRESS – Sarebbero tre i cavalli morti nel corso della Sartiglia di Oristano. A rivelarlo, nei giorni scorsi, la Nuova Sardegna la quale riferisce pure di diversi cavalieri contusi e parecchi cavalli acciaccati, sebbene lievemente.  Sempre secondo lo stesso giornale una spettatrice, inoltre, è stata  colpita alla testa dalla ferratura di un cavallo volata in mezzo alla folla. Non è la prima volta, anzi, che la Sartiglia di Oristano è al centro di polemiche per gli incidenti occorsi e...
Leggi tutto 31 commenti

Palio di Ronciglione: denuncia collettiva dell’ ANPANA per la cavalla Tiffany morta infilzata nella transenna metallica (video)

Palio Ronciglione
14 marzo 2011 | GEAPRESS – L'Ufficio legale dell'ANPANA (Associazione Nazionale Protezione Animali Natura e Ambiente), ha predisposto una denuncia collettiva a seguito dei tragici fatti occorsi sabato 5 marzo nel corso del Palio di Ronciglione (VT). L'iniziativa è rivolta a quelle persone vittime involontarie di una manifestazione, sottolineano all'ANPANA, riprovevole e cruenta. In particolare l'incidente occorso lo scorso 5 marzo che ha visto morire la cavalla Tiffany, ha fatto alzare un grido di sdegno att...
Leggi tutto 10 commenti

Il Palio di Siena non si farà (a mare)

palio di siena
Sospeso il Palio dei Venti (GR).
09 marzo 2011 | GEAPRESS – In molti lo avevano definito il Palio di Siena a mare, dal momento in cui buona parte dei cavalli provenivano dalle scuderie del circuito di Siena. Appena pochi giorni addietro ne era stata annunciata la terza edizione, che si sarebbe corsa addirittura a pelo, ovvero, senza sella. Pertanto ancor più simile al Palio di Siena. Stiamo parlando del Palio dei Venti che si sarebbe corso il prossimo 20 marzo nella spiaggia di Marina di Grosseto. Circa 800 metri di spiaggia ed una ses...
Leggi tutto 7 commenti

Cavallo morto a Ronciglione: la difesa del Sindaco – destino fu

Sindaco di Ronciglione
09 marzo 2011 | GEAPRESS – Ingrato compito quello di fare politica in un Comune dove c'è qualcosa di popolare (forse tra i suoi cittadini) ma molto impopolare altrove. Si diceva che i Sindaci del palermitano, prima che il Prefetto vietasse per mafia i palii di cavalli, sperassero in gran segreto che la massima Autorità locale per l'ordine e la sicurezza, provvedesse di suo pugno a bloccare le corse. In quella maniera i cavalli ferrati con lega in alluminio (la stessa delle corse clandestine nella tangenzial...
Leggi tutto 10 commenti

Oristano: un fantino e tre spettatori investiti dai Teletubbies

corsa cavalli sardegna
Anche in Sardegna le corse dei cavalli come patrimonio dell'UNESCO?
09 marzo 2011 | GEAPRESS – Nuovo incidente, alla faccia dell'Ordinanza Martini sulla protezione degli equini (in funzione delle tradizioni con uso di animali) nel corso di una festa paesana. Questa volta ad essere finiti male sono due spettatori (su tre investiti dai cavalli) ed un fantino. A Santu Lussurgiu, in provincia di Oristano, la domenica di carnevale e il martedì grasso si corre la Sa Carrela 'e Nanti. Una sessantina di cavalieri con delle maschere che tipicizzano la storica manifestazione (nella...
Leggi tutto 7 commenti