GEAPRESS – Nuova liberazione di ricci di mare ad opera della Capitaneria di Porto di Taranto. I militari della Guardia Costiera sono intervenuti ieri sera in località “lama” con il Nucleo Difesa Mare istituito dalla stessa Capitaneria. Un subacqueo aveva già catturato, nello specchio di mare antistante, ben 1200 ricci di mare. Tutti gli animali posti sotto sequestro, sono così tornati alla vita libera. Era già successo, ad opera della stessa Capitaneria, nel marzo scorso (vedi articolo GeaPress) Tutta l’attrezzatura è stata posta sotto sequestro mentre al subacqueo sono state commutate 4000 euro di sanzione.

La differenza rispetto all’anno scorso, ad avviso della Capitaneria, risiede nel decreto legislativo n. 4 del 9 gennaio 2012, entrato in vigore lo scorso due febbraio. Un nuovo e complesso sistema sanzionatorio che ha mandato in pensione la vecchia legge risalente al 1965. Tra le novità non solo l’inasprimento delle sanzioni sia amministrative che penali, ma anche l’addebito a carico del colpevole, degli onori di custodia e distruzione degli attrezzi sequestrati.

Per i pescatori professionali vi è poi la licenza a punti. Similmente al più famoso meccanismo che regola le patenti di guida, anche in questo caso è stato previsto un meccanismo progressivo con la sospensione della licenza per periodi via via crescenti fino ad arrivare, nei casi estremi, alla revoca della stessa. Un analogo meccanismo a punti è stato altresì previsto anche per i Comandanti dei pescherecci.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati