delfini
GEAPRESS – Mattinata da alta tensione nella baia di Taiji, in Giappone.

Dopo undici tentativi di cattura dei delfini messi in atto dall’inizio di settembre, questa mattina, poco prima delle 8.30 (ora locale) gli attivisti di Sea Shepherd lanciano il primo allarme: “cinque barche sono apparse all’orizzonte e  stanno inseguendo quello che sembra essere un branco di delfini“.

Poche ore prima, tutte la barche avevano infatti lasciato il porto.

Le barche apparse, specifica meglio Sea Shepherd, sono sei e sono ancora troppo lontane per dare una informazione esatta su quello che sta avvenendo. Poi una aggiunta tremenda. Cinque barche con un gruppo di delfini e sei con un secondo.

Alle 9.46, la conferma. Il primo gruppo di delfini è ormai alle porte della baia di Taiji.

Alle 10.46, sempre ora locale, la situazione è più chiara. Le barche, in tutto, sono dodici, ovvero l’intera flotta in genere operante in alto mare. Il primo gruppo di delfini è ormai alle porte della baia, quando gli ambientalisti fanno tirare a tutti un respiro di sollievo: i delfini  sembrano avere vinto la loro battaglia. Un resistenza durata alcune ore e che, come conferma minuti dopo Sea Shepherd, ha avuto la meglio. Tutti i cetacei del primo gruppo riescono a fuggire in mare aperto.

Tutte le barche sono ora concentrate sul secondo gruppo di cetacei. Anche loro hanno alle spalle almeno tre ore di lotta. Sono sfiniti e la baia di Taiji, sembra ormai pronta ad inghiottirli. Finiranno macellati o catturati per i delfinari. Alle 12.28 l’annuncio trionfante di Sea Shepherd: “Dolphins have escaped!!!”. Il mare di Taiji, anche per oggi, non si colora di rosso.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati