GEAPRESS – Ne hanno seguito tutti i movimenti, poi lo hanno tenuto sott’occhio anche con l’ausilio di un’auto civetta, ma infine ne è valsa la pena. I sospetti, su di lui, erano fondati e quando i militari della Guardia Costiera di Salerno lo hanno invitato ad aprire il bagagliaio, hanno rivenuto le cassette di polistirolo con circa 40 chilogrammi di triglia.

Anzi, si trattava di piccole triglie delle lunghezza compresa tra i due ed i tre centimetri. La triglia adulta, invece, arriva a misurarne fino a trenta, sebbene la legge consente di poterla pescare appena superati gli undici centimentri.

Ad essere fermato, tra Eboli e Battipaglia, un quarantenne salenitano che è stato così denunciato all’Autorità Giudiziaria. Tutto il novellame di triglia, è stato posto sotto sequestro.

Secondo la Capitaneria di Porto di Salerno, questo tipo di pesca incide in maniera significativa sull’ecosistema marino, modificandone alla base la catena alimentare.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati