GEAPRESS – Il video girato nelle scorse ora da Sea Shepherd, mostra chiaramente la nave-fabbrica Nisshin Maru, agganciare e trainare al suo interno il corpo di una balena.

Secondo quanto dichiarato da Sea Shepherd, la nave giapponese si sarebbe trovata all’interno del santuario delle balene. Un’area rivendicata dall’Australia e che non ha mancato già nei giorni scorsi di sollevare le dure proteste del governo di quel paese. Quest’ultimo, secondo quanto comunicato da Sea Shepherd, non ha mancato di  fornire informazioni utili ad intercettare le baleniere.

Ad oggi, i giapponesi dovrebbero essere presenti, oltre che con la nave-fattoria, anche con due arpionatrici. 

Le difficoltà per i giapponesi di rifornirsi di petrolio, considerata la chiusura dei porti australiani, li ha inoltre indotti ad affittare una nave petroliera sudcoreana. Si tratta della Sun Laurel, accusata, nei giorni scorsi, di aver perso carburante in mare.

Sea Shepherd ha diffuso ora il video dell’avvicinamento della loro nave Bob Baker alla Nisshin Maru.  Di fatto la nave ambientalista si è ritrovata in una vera e propria battaglia navale con una delle due navi arpionatrici, la Yushin Maru 2. Da questa, infatti, è stata catturata la balena poi trasferita nella nave fattoria.

I giapponesi, come è noto, continuano a cacciare le balene adducendo motivazioni scientifiche. In più di un’occasione, in seno alla Commissione Baleniera Internazionale, si sono registrati tentativi di far cadere il bando della caccia commerciale. Cosa che per fortuna, non è avvenuta.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI VIDEO: