tonno
GEAPRESS – Ancora un intervento nella città di Roma, sulla pesca illegale del tonno rosso. Ad essere stata sequestrata è mezza tonnellata di pesce.

All’alba di ieri i Militari della Capitaneria di Porto di Roma, coordinati dal Centro Controllo Area Pesca della Direzione Marittima di Civitavecchia hanno  intercettato, nell’ambito di una mirata operazione investigativa e di controllo di polizia,  un automezzo frigo carico di questa specie. Secondo quanto comunicato dalla stessa Capitaneria di Porto  i tonni sarebbero stati illegalmente pescati per essere destinati al mercato  ittico  presso il Centro Agroalimentare di Guidonia Montecelio (Roma).

Al termine dell’operazione sono stati altresì elevati verbali amministrativi a carico dei responsabili per un importo complessivo di 5.500 euro nonché una notizia di reato alla competente Autorità Giudiziaria.

Per le Capitanerie di porto – Guardia Costiera, quella del Tonno rosso è una vera e propria battaglia  che si svolge giornalmente  nelle nostre acque per prevenire e reprimere  il fenomeno della pesca illegale di tale specie. Sempre ad avviso della Capitaneria di porto, tale vendita sarebbe divenuta molto remunerativa.

Un concreto aiuto finalizzato alla conservazione di questa specie, essenziale  per la tutela dell’intero ecosistema marino, può venire dagli stessi consumatori, che dovrebbero evitare l’acquisto al dettaglio della suddetta specie, qualora non conosciuta la regolare filiera di provenienza, e segnalare alle Autorità Marittime o di Pubblica Sicurezza gli eventuali punti di commercio.

Quale utile consiglio ai consumatori, nell’acquisto al dettaglio, essi potranno verificare la regolare etichettatura del prodotto che deve menzionare la provenienza della zona FAO di cattura (per il Mediterraneo zona FAO 37), la tipologia di pescato (se pescato in mare o allevato), la denominazione commerciale della specie e se il prodotto ittico è fresco o decongelato.

VEDI VIDEO DEL SEQUESTRO

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati