sea shepherd taiji
GEAPRESS – E’ costato caro voler bene al proprio piccolo. Un cucciolo di Stenella striata, difeso fino alla morte dall’interno branco costretto dai pescatori di Taiji, in Giappone, fin dentro la baia della morte.

Un gruppo di circa 100 Stenelle striate, un delfino di taglia minore. Il primo branco intercettato nel corso della stagione di caccia 2015-2016.

I pescatori dopo appena trenta minuti dall’imbarco, hanno individuato i delfini. Gli adulti si sono subito disposti a protezione del piccolo. Purtroppo è stato proprio questo l’atteggiamento sfruttato per guidare l’interno branco all’interno della baia. Una ventina di delfini è infine entrato nella trappola. Al centro la giovane stenella striata, difesa fino alla fine. Gli adulti non potevano sapere che in tale maniera sarebbero finiti tutti macellati.

A dare comunicazione dell’avvenuta uccisione sono sia i volontari dei Sea Shepherd che del Dolphin Project di Richard O’Barry, l’ex addestratore di delfini americano che, dopo la morte in vasca di uno degli animali addestrati, mandò all’aria il suo lavoro dedicandosi alla difesa dei delfini. Come è noto nella baia di Taiji, avviene sia la macellazione per rifornire il mercato giapponese della carne di cetacei, che la cattura per i delfinari.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati