delfino
GEAPRESS – Fin dalle 05.30 di stamani la sala operativa della Capitaneria di Porto di Gallipoli aveva iniziato a ricevere numerose segnalazioni di un delfino ancora vivo ma in difficoltà, nei pressi del Porto di Torre Cesarea. Venivano così immediatamente allertati i militari dell’Ufficio Locale Marittimo della nota località turistica mentre, contemporaneamente, venivano messi in atto i protocolli previsti per la segnalazione di cetacei in difficoltà. Ad essere avvisati anche i medici veterinari dell’ASL competente per territorio ed il personale dell’Area Marina Protetta.

In effetti nei luoghi veniva subito avvistato un piccolo delfino, molto probabilmente un grampo, della lunghezza di appena 1.20 mt e del peso di circa 35 kg.

I militari della Guardia Costiera, in collaborazione con gli specialisti del settore, avvicinatisi al delfino hanno prima provveduto a rianimarlo e poi a condurlo al largo. In tal maniera sono state altresì scongiurate eventuali collisioni con unità da diporto che in questo periodo sono molto numerose lungo il litorale jonico.

Ancora sconosciute le cause che hanno portato il cetaceo a spingersi in acque così poco profonde come quelle di Porto Cesareo. Basti pensare, spiega la Capitaneria di Porto, come questi delfini vivono in branchi ad una profondità che compresa tra i 400 ed i 1000 metri di profondità.

Rimane sempre attivo, h24 il numero blu gratuito, 1530, per tutte le segnalazioni e le emergenze in mare.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati