GEAPRESS – Hanno perso, almeno al TAR, dopo la vittoria di Pirro dei mesi scorsi (vedi articolo GeaPress), quando i Giudici amministrativi del Lazio concessero la sospensiva al Decreto ministeriale che vietava la contemporanea presenza in barca sia della ferrettara che del palangaro.

Nella Sentenza di merito è stato ora riconosciuto il vizio di legittimità mentre il Comune di Ponza (LT), che era ricorso assieme a numerose ditte di pesca, non aveva alcun titolo nel procedimento. Dunque, sulle barche dei pescatori di Ponza la pericolosa abbinata non sarà più possibile. Lo rileva un articolo di La Provincia Quotidiano, edizione di Latina, oggi in edicola. Si evidenzia tra l’altro come la marineria isolana sia stata oggetto di ispezioni a sorpresa della Commissione Europea che avevano messo in evidenza la carenza di controlli sui pescherecci. In altri termini, la ferrettara, che non potrebbe essere adattata per la pesca al pesce spada, viene camuffata nel suo possibile uso illecito dalla presenza del pericoloso e complicato palangaro. Quest’ultimo è invece considerato idoneo alla cattura del pesce spada.

La ferrettara è una rete derivata, come le vietate spadare. L’Italia, per sfuggire al divieto europeo imposto all’uso delle spadare, si inventò la ferrettara, di fatto una sorta di mini spadara ovvero meno lunga, da utilizzarsi non oltre un certo limite dalla costa e dalle maglie più strette. Se utilizzata in tal maniera, dovrebbe catturare solo pesce di medie dimensioni. Modificarla, però, è facile, ancor di più se una marineria è poco controllata.

Per evitare i soliti furbetti, il Ministero delle Politiche agricole e della pesca emanò lo scorso luglio un decreto ove veniva disposto il divieto di contemporanea presenza dei due strumenti. Anzi, più che per evitare i furbetti, il decreto doveva servire ad evitare le multe dell’Europa conseguente all’escamotage ferrettara. Multe che nel caso pagano tutti i cittadini e non i singoli pescatori. Il Comune di Ponza e le ditte di pesca, fecero invece ricorso al TAR, che ora gli ha dato torto.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati