GEAPRESS – Nuovo intervento della Capitaneria di Porto ad Acireale (CT). Gli uomini della Delegazione di Spiaggia di Santa Maria La Scala, hanno nuovamente posto sotto sequestro del pescato abbandonato nei pressi della Stazione ferroviaria. Era già successo lo scorso ottobre (vedi articolo GeaPress) quando i pescatori abusivi, alla vista della Guardia Costiera, hanno preferito darsi alla fuga abbandonando quanto esposto alla vendita. Alcuni chilogrammi di ricci, telline ed occhi di bue, del tutto inidonei al consumo.

Ben più cospicuo il sequestro avvenuto a Ravenna nella Piallassa Baione, dove la pesca è interdetta a causa degli elevati valori di inquinamento riscontrati nelle acque. Ad intervenire il Comando Stazione di Ravenna ed un posto fisso di Casalborsetti del Corpo Forestale dello Stato in collaborazione con la Compagnia dell’Arma dei Carabinieri di Comacchio. Ad essere posti sotto sequestro, ben 28 cesti di molluschi bivalvi per un totale di 560 chilogrammi di pescato, poi reimmesso in mare. Ad essere denunciate, sono state due persone alle quali è stata altresì sequestrata la motopompa ed altra attrezzatura utilizzata per la pesca. Nell’area di intervento la pesca è vietata a causa di un alto inquinamento di tipo fognario.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati