GEAPRESS – Samuele, una tartaruga marina di circa 10 anni curata presso il Centro di Recupero Tartarughe Marine di Molfetta, è tornato alla vita libera. Alla sua liberazione hanno assistito alcuni alunni della scuola elementare Cesare Battisti di Molfetta (vedi foto in basso), a bordo delle motovedette della Guardia Costiera di Molfetta. Grande l’emozione e la gioia dei piccoli che hanno potuto ammirare da vicino una delle specie più minacciate dei nostri mari.

Grande emozione e soddisfazione è stata espressa anche dai volontari del Centro per il lieto epilogo di un caso assai difficile. La tartaruga, infatti, inizialmente era stata considerata irrecuperabile. Al momento del ritrovamento Samuele, che era rimasto per ben due giorni spiaggiato sulle coste di Savelletri, si presentava in profondo stato di ipotermia. Sono state necessarie continue cure e una lunga riabilitazione da parte degli attivisti del centro molfettese per consentire alla tartaruga di riacquistare condizioni ottimali e poter tornare a nuotare in mare aperto.

All’iniziativa, oltre ai ragazzi, ai docenti e ai volontari del Centro di Recupero, è intervenuto anche il C.F. (C.P.) Pierpaolo Pallotti, Comandante in II della Capitaneria di Porto.

Proprio gli uomini della Capitaneria di Porto di Molfetta, sempre attenti alle tematiche ambientali e disponibili alla collaborazione per la salvaguardia della natura, hanno recentemente recuperato una piccola tartaruga che galleggiava in evidente stato di difficoltà. L’esemplare, che misura soli 25 cm di carapace, non riusciva a immergersi, forse a causa di una cattura accidentale con reti a strascico.

«Ora sta bene e presto potrà tornare in libertà – ha riferito Pasquale Salvemini, responsabile del Centro di Recupero – Intanto, proprio nei giorni scorsi, è giunta una tartaruga con un grosso amo nell’esofago”.

Quest’ultima tartaruga, che misura 60 cm di lunghezza carapace, è stata recuperata dalla Capitaneria di Porto di Bari e per l’estrazione dell’amo, sarà operata presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università di Bari.

Salvemini ha anche annunciato una grande manifestazione per domenica 24 giugno, organizzata dal Centro Recupero Tartarughe Marine di Molfetta in collaborazione con la Fondazione Amm. Michelagnoli di Taranto. L’iniziativa che vedrà la liberazione di alcune tartarughe, si terrà in località Prima Cala e vedrà la partecipazione di rappresentanze delle forze di polizia oltre che di moltissimi appassionati e curiosi.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI FOTO: