GEAPRESS – Son tornate le meduse sulla costa savonese, accompagnate dall’errato vecchio adagio che ciò sia prova di mare pulito; è invece la dimostrazione di un mare svuotato dei pesci che se ne cibano; se non si prendono seri provvedimenti legislativi diventeranno quindi sempre più frequenti, anche se il Sindaco/Senatore di Albisola Superiore si vanta di aver fatto approvare una legge per sotterrare le velelle spiaggiate sotto la sabbia, ovvero nascondere la spazzatura sotto il tappeto.

I loro maggiori predatori sono, infatti, oltre alle testuggini e tartarughe marine, tonni, pescispada, pesci luna, pesce azzurro e molte altre specie pescate; le stesse meduse catturano poi piccoli pesci, innescando un circuito che porta allo spopolamento del mare; malgrado un uso di tecnologie sempre più aggressive, le catture nei mari italiani sono in declino dal 1999 perché i tre quarti degli stock ittici mediterranei sono sovra-sfruttati; eppure una politica suicida delle istituzioni continua a promuovere il consumo di pesce e la pesca come passatempo ecologico, mentre gli italiani già si mangiano molti più pesci rispetto alla produzione nazionale, che ormai riesce a coprire i consumi di meno di quattro mesi all’anno, dipendendo per il resto del tempo dai prodotti ittici rapinati in altri mari.

Ed allora, in questa situazione da ultima spiaggia, l’appello della Protezione Animali savonese è che si comincino a recuperare le migliaia di reti perdute o abbandonate dai pescherecci, che continuano a pescare per secoli, si metta un freno alla pesca professionale e sportiva, si tuteli la fascia costiera e si blocchino, ad esempio, le esportazioni di tonni in Giappone, si ingrandiscano le microscopiche aree marine protette e si favorisca l’osservazione incruenta e non la pesca degli animali marini. Ma, soprattutto, si invitino i consumatori a mangiare meno pesce: i favolosi omega3 si trovano anche in molti vegetali.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati