feto globicefalo faroe
GEAPRESS – Sea Shepherd diffonde oggi le foto dei delfini uccisi nelle Isole Faroe. Delfini globicefalo, tra cui femmine gravide, macellati nel corso delle cacce di tradizione locali. Un intervento, quello di Sea Shepherd, che è già costato l’arresto di nove volontari. Tra questi anche due italiane (vedi articolo GeaPress).

Secondo gli ambientalisti sarebbero stati uccisi anche delfini giovani, femmine gravide ed animali malati. Tremende le fotografie delle femmine con l’addome squarciato ed il feto estratto.

In tutto, lo scorso 12 agosto, sarebbero stati uccisi nella spiaggia di Sandavágurn 61 delfini globicefalo, altresì definiti “balene pilota”. Secondo Sea Shepherd il gruppo individuato era in realtà composto da almeno 200 animali. Un natante dell’associazione si era subito diretto nei luoghi riuscendo a far disperdere buona parte degli animali. Le barche dei locali, però, potrebbero avere avuto la meglio sui giovani ed altri individui più lenti, come le femmine gravide. In questa occasione sono stati arrestati cinque attivisti appartenenti all’equipaggio di terra di Sea Shepherd. Si erano diretti nella spiaggia interponendosi tra il gruppo di delfini meno fortunati ed i macellai.

Secondo Sea Shepherd l’uccisione di gruppi di femmine gravide e loro feti, mina qualsiasi pretesa di sostenibilità addotta dai sostenitori di questa caccia.

 

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati