caretta caretta
GEAPRESS – Nella giornata di oggi, ricercatori dell’Associazione Filicudi Wildlife Conservation, impegnati in attività di monitoraggio delle acque antistanti l’Isola di Filicudi, hanno recuperato un esemplare di tartaruga marina “caretta-caretta”.

Secondo la Guardia Costiera di Milazzo (ME), al momento del rinvenimento in mare, l’esemplare mostrava serie difficoltà ad immergersi per gravi ferite riportate a causa dell’ingerimento di un amo appartenente ad un palangaro probabilmente utilizzato da pascatori diportisti. Dopo avere recuperato l’esemplare ed averlo assistito temporaneamente presso il nucleo di pronto intervento sull’isola di Filicudi, grazie alla collaborazione dei militari della Guardia Costiera di Lipari e Milazzo, la tartaruga è stata trasferita presso i locali della Capitaneria di porto di Milazzo e successivamente affidata alle cure del personale dell’Istituto zooprofilattico sperimentale della Sicilia con sede a Palermo.

Grazie alla collaborazione sinergica degli enti interessati, ormai ampiamente consolidata, un altro esemplare di caretta-careta è stato salvato e verrà restituito al suo habitat naturale dopo le necessarie cure del personale specializzato.

La Guardia Costiera intende ribadire che l’utilizzo di attrezzi non autorizzati e non conformi alle vigenti normative rappresenta anche una grave minaccia per la conservazione di specie marine protette quali le tartarughe “caretta-caretta”.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati