GEAPRESS – Nuovi interventi contro i bracconieri del mare, ed in particolare contro la pesca del bianchetto, la cosiddetta neonata di pesce. Novellame di alice e sarda è stato, oggi, sequestrato dalla Capitaneria di Porto di Catania presso una rivendita di Acireale (CT). In tutto otto chilogrammi di pesce neonato e controlli programmati nei prossimi giorni. Sessantotto cassette di analogo pescato è stato invece posto sotto sequestro a Porto Empedocle dai militari della locale Guardia Costiera. In tutto ben 350 chilogrammi sistemato in una cella frigorifera di un magazzino del porto.

Quello di Porto Empedocle è il più grosso sequestro di novellame effettuato in Italia nel corso del 2012. Un segnale che dovrebbe forse dare maggiore valore all’appello rivolto nelle scorse ore dal Commissario Europeo per la pesca Maria Damanaki allo scrittore Andrea Camilleri che proprio nella città di Porto Empedocle ha la sua Vigata. La Damaki aveva sostanzialmente invitato Camilleri ad evitare che il Commissario Montalbano mangi proprio la neonata vietata per legge. Una cosa insopportabile per il Mediterraneo, avrebbe riferito la Commissaria. Camilleri non ha dimostrato grande cura per le affermazioni della Damanaki. Lui, l’inventore di Montalbano e già estimatore del Palio di Siena (con buona pace per le note polemiche a proposito dei cavalli), ne ha fatto una questione di serietà. Montalbano mangia triglia, che è consentita, e qualche volta neonata …, avrebbe detto.

Peccato che si tratti di un Commissario di Polizia e non, in fin dei conti, degli Onorevoli dell’Assemblea Regionale Siciliana che nel 2005 si ritrovarono a mangiare neonata nell’elegante buvette di Palazzo dei Normanni. Dell’incredibile episodio se ne accorse l’allora Onorevole dei Verdi Lillo Miccichè che si vide presentare un menù a base di pasta e polpettine di neonata. Tutti, attorno a lui, apprezzavano i gelatinosi corpicini di pesce appena nato, mentre al di fuori dalla dorata residenza, avvenivano i sequestri essendo, allora, periodo di fermo biologico. Il tutto avvenne proprio mentre la Polizia di Stato (quella vera) sequestrava nelle strade di Palermo, dove ha sede Palazzo dei Normanni, oltre 400 chilogrammi di neonata. Evidentemente alcune coincidenze si ripetono, oppure gli interventi della Forze di Polizia contro la pesca di neonata sono sempre all’ordine del giorno, nonostante il Commissario Montalbano.

Nelle ultime ore altri due interventi delle Capitanerie di Porto sono avvenuti rispettivamente a Manfredonia (160 chilogrammi tra cozze e altri molluschi bivalvi mal conservati) ed a Gallipoli, dove è stato sequestrato pesce privo di rintracciabilità. Controlli pure sui pescatori cosiddetti sportivi a Porto Cesareo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati