GEAPRESS – E’ morta la femmina di delfino globicefalo catturata con il suo piccolo nella baia di Taiji, nel Giappone sud orientale. I due delfini erano stati intercettati alcuni giorni addietro (vedi articolo GeaPress) assieme ad un gruppo di altri 28. Tre, erano stati catturati per i delfinari, mentre i rimanenti 25 erano finiti macellati.

La femmina non ha retto più. I suoi aguzzini l’hanno avvolta in un telo (nella foto di Sea Shepherd). Il piccolo ha continuato a girarle attorno. Finirà, così, solo al chiuso di un delfinario. Le condizioni dell’animale era apparse critiche poco dopo la cattura. Trattata con medicinali, aveva iniziato a disporsi di fianco. Un segnale pessimo, preludio, in molti casi, della morte. Così è stato. Mamma delfino è morta la scorsa notte.

Finiranno invece a breve i circa 100 delfini (in buona parte globicefalo ma anche tursiopi) catturati l’altro ieri (vedi articolo GeaPress) a Taiji. Le barche della morte, così vengono chiamate dagli ambientalisti che stanno presidiando la baia, hanno captato il branco a diverse miglia al largo di Taiji. La barriera sonora creata dalla strumentazione in possesso dei pescatori, li ha spinti verso la baia. Bloccata l’entrata con una lunga rete, possono rimanere in attesa anche per due giorni. Avverrà poi la scelta. Delfinario oppure macellazione.

L’ora prestabilita è stata ormai fissata. A breve, nella baia di Taiji, inizierà la cattura. In pochi saranno fatti prigionieri. La stragrande maggioranza verrà uccisa. Tutti, compresi mamma delfino con il suo piccolo, fino a pochi giorni addietro erano liberi nel mare.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati