GEAPRESS – Un grosso delfino, di circa 1,8 metri di lunghezza, è stato rinvenuto nei giorni scorsi nella costa rocciosa dell’isola di Marettimo (TP), non molto distante dal centro abitato. Lo stato di decomposizione rendeva difficile sia l’identificazione della specie oltre che potere risalire ad eventuale presenza di ferite esterne, tali ad esempio da far pensare ad un impatto con eliche di imbarcazioni. Per quello che era possibile vedere, non vi erano tracce di resti di reti da pesca.

Per risalire alle esatte cause della morte (ad esempio se per ingestione di sacchetti di plastica o annegamento, magari causato dalle reti) occorrerebbe un esame autoptico, ma è probabile che la carcassa del povero delfino rimarrà sugli scogli, lì dove è stata rinvenuta e fotografata da un gruppo di escursionisti.

Recentemente un altro delfino, più esattamente un Tursiope, era stato trovato dal Corpo Forestale dello Stato, nella battigia nei pressi della foce del torrente Bevano, in provincia di Ravenna (vedi articolo GeaPress). Anche in questo caso l’animale non presentava segni esterni che potessero fare supporre la causa di morte. Il delfino, comunque, era stato rinvenuto non oltre un’ ora successiva allo spiaggiamento. La pattuglia della Forestale, infatti, era passata una prima volta poco prima del ritrovamento. In quei giorni, a Ravenna, forse a causa delle mareggiate, erano state rinvenute spiaggiate alcune tartarughe di mare, Caretta caretta. (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).