GEAPRESS – Tanti interventi in mare, in questi giorni, da parte della Capitanerie di Porto. Controllo indirizzati in particolar modo, per via del periodo di affollamento delle spiagge, alla sicurezza dei bagnanti. Diportisti sotto costa e non solo visto che nei giorni scorsi si è avuta n in mare

otizia di reti da pesca calate lungo la liena di costa adibita alla balneazione. A Corigliano Calabro (CS), un intervento, tra i tanti eseguiti a cavallo di ferragosto, ha avuto come protagonista un Gabbiano reale.

115 operazioni, sia in mare che in terra, per verificare il rispetto delle norme in materia di difesa di demanio, ambiente e diporto. Dal bagnante che non risuciva più a rientrare a riva per via del mare ingrossato al largo di Schiavonea, al diportista sorpreso a navigare nella fascia di interdizione sotto costa a Marina di Sibari. E poi il gabbiano reale.

Alcuni bagnanti lo hanno trovato nella spiaggia di Rossano. L’ala penzoloni lasciava spazio a pochi dubbi. Forse uno scontro con un ostacolo, sta di fatto che il povero animale si era posato in spiaggia e lì era rimasto inerme con l’ala rotta. Avviasata la Capitaneria di Porto, l’uccello marino è stato raccolto dai militari della Guardia Costiera i quali, avvisata la Polizia Provinciale, hanno provveduto alla consegna presso un ambulatorio veterinario.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati