GEAPRESS – Chi pensa ai pesci? Non parlano, non ridono, non piangono. Come potrebbero, sott’acqua nessuno li vede. Magari nel piatto, già morti dopo essere stati strappati dal mare o dai fiumi, pigiati nella rete a morire senza più ossigeno, disciolto nell’acqua che non c’è più. Eppure un cane nella camera a gas, senza ossigeno, genera pietà e rabbia. La sofferenza dei pesci non è espressiva. Anzi vederli saltellare agonizzanti diventa sinonimo di freschezza, quasi fossero contenti di arrivare così in padella. E dire che poco tempo addietro, una ditta di tonno in scatola, per pubblicizzare il suo prodotto, inscenò un funerale. Al tonno, ovviamente. Evidentemente a qualcuno faceva venire fame.

Poco o per nulla empatici. Poco o nulla cani o gatti, insomma. Oggi, però, i pesci sono andati di scena nella piazza del Nettuno a Bologna. Ci hanno pensato gli attivisti di essereAnimali in occasione della prossima Giornata Internazionale per i Diritti degli Animali. Impigliati ed ammassati nella rete, come i pesci. Forse così qualcuno capirà. Una iniziativa coraggiosa, sul piano della comunicazione, dal momento in cui ai pesci quasi nessuno pensa. Pesci come crostacei o molluschi.

La pesca, riferiscono da essereAnimali, è oggi praticata con metodo intensivo in ogni parte del mondo ed è la causa della scomparsa di un gran numero di specie e di un sempre crescente inquinamento dei mari. Secondo i militanti animalisti si stima che siano oramai stati consumati il 57% delle riserve marine di pesca ed il 90% dei grandi pesci.

Attività crudeli, quanto silenziose. Verso gli animali e verso l’intero pianeta Terra. “Possiamo evitare con le nostre scelte di essere direttamente responsabili di quello che di fatto è un massacro inutile sotto ogni punto di vista – sottolineano gli animalisti – Lo stile di vita vegan, che esclude l’utilizzo e il consumo degli animali e dei loro derivati, è un’alternativa concreta che testimonia che possiamo vivere senza fargli del male, un cambiamento etico necessario poiché le altre specie non sono risorse a nostra disposizione“.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati