bull dog II
GEAPRESS – I Carabinieri di Vigasio (VR), durante un controllo su strada effettuato giovedì 20 novembre, hanno fermato un’auto condotta da due cittadini rumeni, provenienti dall’Ungheria, che trasportava  quattro esemplari di cani di razza sprovvisti della documentazione prevista dalla legge per l’ingresso in Italia di animali d’affezione.

Ne da comunicazione la LAV di Verona la quale informa come i cuccioli di Bouledogue francesi ed Alano di poco più di due mesi, si sarebbero presentati assetati e affamati. Il  viaggio, a quanto sembra, durava dal giorno precedente. Sempre la LAV riferisce come i poveri animali sarebbero stati ritrovati immersi nei loro escrementi e ammassati l’uno sull’altro.

Immediato il sequestro preventivo degli animali disposto dal P.M., dott.ssa Elvira Vitulli, e convalidato dal giudice dott.ssa Rita Caccamo. Ad essere contestato è il reato di maltrattamento di animali di cui all’art. 544 ter del Codice Penale.

Il carico fermato è uno dei tanti arrivi clandestini di cani e gatti dall’Europa dell’Est richiesti in grande numero in questo periodo che precede le festività natalizie, nelle quali è purtroppo ancora consuetudine regalare cuccioli – afferma Lorenza Zanaboni, Responsabile della LAV di Verona –  Acquistati non ancora svezzati per poche decine di euro nelle cosiddette puppy farm, diffuse nei paesi dell’Est europeo, , vengono poi rivenduti in Italia ad un prezzo decuplicato. Sulla pelle di questi poveri animali prospera così un fiorente commercio clandestino che le autorità stanno cercando in tutti i modi di contrastare

La LAV ringrazia i Carabinieri di Vigasio per l’operazione.