Cattura - Copia
GEAPRESS – Tremenda scoperta avvenuta stamani innanzi al canile di Vibo Valentia. Una pelle verosimilmente di cane è stata fatta trovare nel marciapiede antistante la struttura dove operano i volontari dell’ENPA.

Una scuoiatura perfetta” – ha dichiarato a GeaPress Enrica Saccani, presidente dell’ENPA di Vibo Valentia. Il pelame, infatti, è stato fatto vedere ad un Medico Veterinario che in tal senso si sarebbe espresso. Sempre secondo il professionista, che ha però rinviato alle analisi una precisa identificazione dell’animale, si tratta molto probabilmente di un volpino scuoiato e privato di testa e zampe. La scuoiatura sarebbe avvenuta di recente. La pelle, comunque, non si presentava più umida.

Proprio in questi giorni l’ENPA di Vibo Valentia dovrebbe prendere in affidamento il canile di Vibo Valentia. Su cosa  però può avere indotto mani ignote a compiere un gesto così tremendo, nulla può  dirsi. Questo fino all’esatta identificazione dell’animale. La pelle, peraltro, è ancora sul marciapiede.

Ho chiamato varie autorità – riferisce Enrica Saccani a GeaPress – è venuta pure la Polizia Municipale, ma la pelle è ancora sul marcipiede. Proverò ora con l’ASP veterinaria ma non so più cosa fare”.

Quando stamani i volontari si sono recati nella struttura, erano all’incirca le 8.30 e la pelle non era stata notata. Più o meno intorno alle 9.15, i cani del canile hanno iniziato ad abbaiare. “Può succedere – spiega Enrica Saccani – ad esempio quando si avvicina una persona e per questo non ci siamo allarmati. Poi, vista l’insistenza, mi sono diretta alla finestra ed ho visto quanto inizialmente  scambiato per un cane  morto. Ho pertanto disposto che si andasse subito a vedere ed a quel punto è avvenuta la scoperta”.

Volontari sconvolti ed ancora nessuna ipotesi sulle motivazioni del gesto.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati