GEAPRESS – Intervento dell’Associazione Animalisti Italiani sull’incredibile incidente occorso domenica scorsa nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Nei pressi di Pescasseroli, infatti, una carrozza che, secondo una prima ricostruzione, trasportava ben venti persone si sarebbe ribaltata per via di un cavallo imbizzarrito. Il pesante traino era sorretto da appena tre cavalli.

Il fatto accaduto domenica pomeriggio a Civitella Alfedena, all’interno del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise (PNALM), ha veramente dell’incredibile – ha dichiarato Walter Caporale, Presidente di Animalisti Italiani – Siamo a luglio 2012, uno dei periodi più caldi degli ultimi decenni e oltre 20 persone, hanno deciso di percorrere la camosciara abruzzese su una carrozza trainata da 3 soli cavalli? E’ pura follia! Come è possibile sottoporre tre poveri cavalli ad uno sforzo così immane in condizioni atmosferiche del genere? Neanche nel medioevo tre cavalli trainavano oltre 20 persone e la carrozza“.

L’Associazione ha già provveduto ad attivare i suoi legali affinché si provveda all’individuazione dei responsabili ed alla loro denuncia. “Chiederemo di eliminare dal regolamento del Parco – ha aggiunto Walter Caporale – l’utilizzo degli animali per il traino, visto che dal primo luglio 1999 l’accesso nella riserva e’ stato chiuso al traffico motorizzato ed e’ consentito solo a piedi oppure noleggiando bici, trenino, cavalli o carrozza trainata da cavalli. Chiederemo di eliminare l’accesso con i mezzi trainati dagli animali”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati