OLYMPUS DIGITAL CAMERA
GEAPRESS – Risvolto a Veglia (FI) delle indagini delle Guardie Zoofile dell’ENPA di Firenze, chiamate ad intervenire a seguito delle segnalazioni di colpi di arma in danno di animali domestici. Le “prede” preferite sembravano essere i gatti. L’ultimo caso ha avuto come vittima Romeo, un bel gatto rosso di due anni, il cui proprietario se lo è visto arrivare con dei miagolii strazianti.

Il  micio è apparso sul pianerottolo di casa con il muso totalmente insanguinato e un’occhio semi-staccato.

Il povero animale è stato subito traportato presso la clinica Veterinaria Mugello, dove veniva sottoposto a terapia intensiva per una grave lesione oculare. Dalle radiografie effettuate è apparsa subito evidente la presenza di un proiettile di piombo conficcato nel bulbo oculare tanto da rendersi necessaria l’asportazione dell’occhio stesso.

La vicenda, denunciata alla Sezione investigativa speciale per la tutela animali delle guardie zoofile dell’ENPA, ha dato così il via alle indagini. Dopo una serie di accertamenti e appostamenti in loco e dopo aver rianalizzato le segnalazioni precedenti, gli investigatori dell’ENPA hanno localizzato un’abitazione da cui presumibilmente potevano provenire gli spari. Dopo aver ottenuto dalla Procura della Repubblica di Firenze, un’ordinanza di perquisizione domiciliare le Guardie Zoofile, coadiuvate dal Nucleo di Polizia Giudiziaria della Polizia Provinciale, hanno rinvenuto un grosso fucile ad aria compressa e una scatola con 422 proiettili di piombo, a quanto pare compatibili con quello trovato nell’occhio del povero Romeo.

Stante quanto riportato dalle Guardie dell’ENPA il proprietario dell’arma, subito sequestrata, si sarebbe giustificato dicendo che non ne poteva più dei gatti perché defecavano vicino alla sua abitazione.

Dovrà ora difendersi dall’accusa contestata dalle Guardie dell’ENPA che lo hanno denunciato per i reati di maltrattamento animali e per sparo in luogo abitato.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati