pastore tedesco
GEAPRESS – E’ stata denunciata dai Carabinieri di Varese, una donna che secondo le risultanze investigative, avrebbe gettato polpette avvelenate contro il cane del vicino.

Secondo quanto comunicato dai Carabinieri, la donna, infastidita dall’abbaiare dei cani del vicinato, avrebbe deciso  di “metterli a tacere”, ma solo per un breve periodo.

L’incredibile storia inizia all’inizio della settimana, quando uno dei vicini trova il proprio pastore tedesco sdraiato a terra. L’animale è quasi privo di vita ed il Veterinario, dove è stato subito trasportato, constata che la causa del malessere era l’ingestione di veleno.

Per fortuna, le cure subito prestate, riescono a salvare il cane, ma il sopralluogo nel giardino di casa rivela la presenza delle polpette. Il fatto viene così denunciato ai Carabinieri che danno corso alle indagini.

Determinante è stata l’installazione  delle telecamere che avrebbero così rivelato il ruolo della donna. I Carabinieri, infatti, riferiscono di una ripresa che mostrerebbe il lancio di qualcosa al di la della recinzione ove il cane nel frattempo era tornato.L’intervento immediato scongiura l’ingestione delle polpette le quali, una volta analizzate, risultano confezionate con del topicida.

Dai fotogrammi delle telecamere si è così risaliti all’identità della donna. Nel corso della perquisizione domiciliare viene trovato  il veleno e sequestrati gli abiti che erano stati indossava la notte prima.

La donna, denunciata per tentata uccisione di animali, una volta scoperta, si sarebbe giustificata dicendo che non voleva ucciderli ma solo metterli a tacere per qualche ora e poter riposare.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati