gabbiano ucciso
GEAPRESS – Stava posandosi vicino al suo piccolo per sfamarlo, ed invece è finito centrato da un colpo di fucile, probabilmente ad aria compressa. I fatti sono avvenuti a Varazze, in provincia di Savona, sotto gli occhi di un bambino che stava osservando l’arrivo al nido del gabbiano.

A denunciare il tutto è la Protezione Animali di Savona che rileva altresì come il povero Gabbiano è morto sul colpo mentre il piccolo orfano è stato soccorso e preso in cura dai volontari dell’ENPA. Alcuni giorni prima i volontari erano intervenuti per un altro gabbiano,  quasi certamente il secondo genitore, trovato con la testa fracassata e morto poco dopo.

Del fatto si stanno interessando i Carabinieri di Varazze e le guardie zoofile volontarie dell’ENPA, sia per il reato di uccisione di animali che per lo sparo in luogo pubblico, che ha messo in grave pericolo il bambino che si trovava poco vicino e che ha pianto per lo spregevole episodio.

Secondo l’ENPA, casi di violenta intolleranza verso i gabbiani sono sempre più frequenti; ancora ieri i volontari dell’ENPA (sebbene la competenza sia della Provincia) sono stati chiamati a Spotorno, dove un altro gabbiano è improvvisamente precipitato vicino ai bagni Nelson, avvelenato da una micidiale polpetta.

Per cercare di venire incontro ai problemi da taluni sollevati in merito al fenomeno dell’inurbamento dei gabbiani, la Protezione Animali ha da tempo suggerito ai Comuni ed alla Provincia soluzioni incruente (sterilizzazione, sottrazione delle uova) che finora, però, non hanno ricevuto risposta.

Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati