GEAPRESS – Presentavano tutti bava alla bocca ed irrigidimento del corpo. Segno questo, che il probabile veleno somministrato ai sette grandi cani di Varapodio (RC) possa essere un prodotto di sintesi per uso agricolo, forse a base di metaldeide.

I corpi sono stati rinvenuti stamani, proprio a due passi dalle lapidi del piccolo cimitero di Varapodio. Ad intervenire i Medici Veterinari dell’ASP territoriale che ne hanno accertato la morte. I corpi dei poveri animali erano tutti in una zona molto ristretta. Il cibo avvelenato, pertanto, era stato lasciato in un posto di solita presenza dei cani. Nei pressi, vi era pure una ciotola.

Una morte dolorosa che sopraggiunge dopo forti convulsioni. Il sintomo più evidente è la bavazione che consente, con una certa approssimazione, di restringere le ipotesi sul veleno utilizzato. Purtroppo, se di metaldeide si è trattato, non esistono antitodi specifici. Solo provocando il vomito si potrebbero avere delle speranze, ma il rigetto del cibo avvelenato deve essere indotto in tempi brevi dall’assunzione.

Che colpa avevano quei poveri randagi? – si chiede ora Maria Antonia Catania, responsabile di Animalisti Italiani per la piana di Gioia Tauro – Questi fatti – ha aggiunto la Responsabile animalista – dimostrano ancora una volta come il fenomeno del randagismo nasce anche dall’indifferenza delle amministrazioni locali, spesso assenti di fronte a questa piaga“.

L’Associazione Animalisti Italiani punta ora il dito contro la mancanza di sterilizzazioni, cosa che, invece, rappresenterebbe una utile arma per combattere l’aumento dei cani vaganti nel territorio.
Colpe da dividersi, dunque, tra chi ha ucciso i cani e chi non è intervenuto in tempo. Secondo Animalisti Italiani, infatti, quel gruppo di cani era già noto a Varapodio. Anzi, era stato pure segnalato alla Polizia Municipale.

Non finirò mai di indignarmi di fronte a questo stato di cose – ha concluso Maria Antonia Catania – quei poveri corpi chiedono giustizia“.

I randagi probabilmente bivaccavano nei pressi del centro abitato ed una mano assassina si è sbarazzata di loro. Secondo l’Ordinanza del Ministero della Salute, il Sindaco di Varapodio dovrebbe provvedere alla bonifica del territorio. Staremo a vedere. 

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI FOTO: