cucciolo turi
GEAPRESS – Durante una passeggiata può capitare di ritrovare dei cani. In Puglia, poi, accade più spesso di quanto si possa immaginare.

Ma la scena che si è presentata ieri pomeriggio davanti a Sara, volontaria della Lega del Cane di Turi, è una di quelle che ti segnano profondamente, difficili da digerire. Una scena che si comprende soltanto tirando in ballo l’Amore e il naturale istinto di fratellanza che caratterizza i cani.

A riportare il racconto sul sito della Lega Difesa del Cane di Turi (BA), è Gaetano Pirulli, responsabile della sezione cittadina nonchè Guardia Zoofila. Tante storie, tutte portate avanti in difesa di chi non ha i mezzi per farlo. Dai cani abbandonati e maltrattati, fino ai pesci agonizzanti nelle pozze ribollenti di agosto.

Love, il cagnetto abbandonato non ha più di due mesi. Ormai svenuto si presentava disidratato e ridotto pelle e ossa. I frutti di una vita, per quanto breve, tutta condotta in strada. Una vita fatta di stenti, sottolinea Gaetano Pirulli, che lo aveva portato a stendersi sul corpo non più in vita del fratellino. Tutto questo sul ciglio di una strada di campagna, a pochi chilometri dal centro abitato di Turi.

Forse cercava di riscaldare suo fratello, forse l’istinto gli ha detto che era giusto morire insieme. Chissà forse affrontare quel viaggio in compagnia.

Il cagnolino è stato subito raccolto dalla volontaria e portato in un ambulatorio veterinario. Purtroppo non sta bene ed attualmente non è possibile fornire alcuna prognosi. Un breve passaggio in uno spazio speciale a lui dedicato per il ricovero presso il canile sanitario di Turi e poi  il trasferimento a casa di Vittoria, un’altra volontaria della Lega Nazionale per la Difesa del Cane di Turi.  Soluzione fisiologica e vitamine sottocute. “Noi ce la stiamo mettendo tutta per aiutarlo a farcela“, riferiscono i volontari.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati