occhi cane
GEAPRESS – Una decina di cani scomparsi nei giorni scorsi a Treviso. Un fatto che ha gettato nella disperazione alcune famiglie che accudivano agli animali.

Tra gli animalisti c’è chi ha notato la coincidenza con il solstizio d’estate, una data che in alcune località della Cina rappresenta un evento da festeggiare mangiando carne di cane (vedi articolo GeaPress ). Un fatto che riscontra sempre più la riprovazione dei cittadini di quel paese i quali, nell’ultimo evento svoltosi a Yulin, nella Cina meridionale, sono riusciti a salvare alcuni cani (vedi articolo GeaPress ). Nessuna prova che un tale evento si sia verificato in Italia, ma la coincidenza è stata notata proprio nel trevigiano, scatenando l’allarme in campo animalista.

Per l’On.le Andrea Zanoni, Eurodeputato originario proprio del trevigiano, “occorre fare chiarezza sulle sparizioni che sono state già segnalate alle autorità preposte dalle associazioni animaliste LAV, OIPA e LAC di Treviso». Sparizioni che sono state debitamente segnalate, tramite un esposto-denuncia,  al Comando Compagnia dei Carabinieri di Castelfranco Veneto (TV) ed a quello di Montebelluna (TV).

Nell’arco di una settimana e prima del 21 giugno, riferisce il comunicato dell’On.le Zanoni, risulta che nelle località di Altivole (TV), Barcon (TV) e Fanzolo di Vedelago (TV) sono scomparsi una decina di cani. Tutti, a quanto pare, intorno a mezzogiorno. Nell’esposto le associazioni trevigiane hanno chiesto, “di provvedere urgentemente a indagare sull’eventuale detenzione di cani rapiti o dei loro corpi esanimi e, nel caso si ravvisi una situazione di necessità ed urgenza, di provvedere ad un eventuale sequestro degli stessi. In tal caso, si fa presente che le associazioni si rendono fin d’ora disponibili quali affidatarie dei cani che venissero rinvenuti senza microchip e non fosse quindi possibile risalire ai nomi dei proprietari”.

Secondo l’On.le  Andrea Zanoni, vice Presidente dell’Intergruppo per il Benessere e la Conservazione degli Animali al Parlamento europeo  “molte famiglie sono disperate per la sparizione dei loro cani e temono seriamente che possano divenire la vettovaglia di qualche banchetto o ristorante. Senza tralasciare l’aspetto che se questo veramente fosse accaduto, configurerebbe un reato gravissimo di maltrattamento e uccisione di animali. Invito le autorità a compiere indagini approfondite”.

Forse più di una voce ha indirizzato l’esposto. Di certo una coincidenza insolita per un’ipotesi, tutta da verificare, che non trova però ad oggi valide spiegazioni.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati