GEAPRESS – A quanto pare i primi ad arrivare sul posto, lo scorso 30 dicembre, sono stati i Medici Veterinari dell’ASL TO4 – Cirè, Chivasso e Ivrea. Forse una segnalazione dei vicini. Due cani, tenuti a corta catena, trovati congelati. Talmente di ghiaccio erano ridotti che è stata difficoltosa la stessa visione dei denti (le bocche erano ormai serrate) utile a determinarne l’età. Due maschi adulti, meticci, di taglia medio grande. Uno dei due è stato trovato all’interno di una cuccia, ma la temperatura era quella sottozero della notte di Trausella, in provincia di Torino.

Ad intervenire i Carabinieri del Comando Stazione di Vico Canavese. Uno dei due cani era legato al portico di ingresso della cascina. Entrambi, stante le rilevazioni effettuate, si presentavano smagriti. Il padrone non è un residente dei luoghi. A quanto pare si tratterebbe di un giovane  residente a Torino. I cani, invece, erano tenuti a Trausella. Secondo indiscrezioni raccolte in loco, i vicini già da qualche tempo non vedevano persone nei pressi del cascinale. Secondo le prime informazioni circolate in ambiente Medico Veterinario, il colpo di grazia ai due cani, sarebbe arrivato proprio dal freddo, in aggiunta alla mancanza di cibo e acqua. Nei pressi dei cani sono state trovate delle ciotole vuote. La stessa cuccia ove è stato trovato uno dei due corpi, a quanto pare non era coinbentata. Ad ogni modo, anch’essa era sistemata nell’area esterna al cascinale.

I resti dei due poveri cani sono stati sequestrati e trasferiti al canile di Caluso (TO) per le verifiche sulla causa della morte. L’uomo è stato denunciato per maltrattamento di animali.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati