pit bull
GEAPRESS – Due cani Pit bull trovati in pochi giorni. Due situazioni molto diverse tra loro ma comunque riconducibili entrambe a maltrattamenti e abbandoni.

A lanciare l’allarme è Danilo Catania, responsabile di Trapani delle Guardie per l’Ambiente Regione Sicilia. Il primo animale, purtroppo non sopravvissuto alle ferite, è stato ritrovato a Valderice(TP). Un grosso Pit bull, forse un incrocio con un Dogo Argentino. Secondo le Guardie per l’Ambiente il cane potrebbe essere stato coinvolto nel giro delle lotte clandestine. Morsi un po’ ovunque, soprattutto nelle zampe ed al volto. Alcuni denti, poi, sembravano essere stati estirpati mentre la zampa posteriore destra era spezzata. Secondo le Guardie per l’Ambiente il Pit bull era stato bastonato e forse per questo, alla visita veterinaria, si è diagnosticata la rottura del timpano.

Il povero animale, quando è stato trovato, era pieno di dolori

“C’è da rimanere basiti – riferisce a GeaPress Danilo Catania – Mi chiedo come sia possibile tanta crudeltà e indifferenza. Il Pit bull è stato ritrovato in campagna e a nostro avviso potrebbe avere combattuto“.

Situazione non meno drammatica per un cucciolo, trovato pochi giorni addietro in una situazione penosa. Il piccolo cane, dell’età di circa due mesi, si presentava avvilito dalla dermatite mentre l’estremità di una zampetta era mancante. “Mi chiedo perchè fare riprodurre i cani – aggiunge il responsabile delle Guardie per l’Ambiente Regione Sicilia – quando già all’età di due mesi sono gettati in strada, peraltro in stato avanzato della malattia. Siamo esasperati – conclude il responsabile delle Guardie – perchè non c’è più dove portare gli animali”.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati