GEAPRESS – Il numero è ancora incerto, ma stante le prime informazioni , dovrebbe trattarsi di due cani morti e di tre feriti. La conferma arriva dall’ambiente dell’ASL Veterinaria di Trapani, mentre ancora da appurare è la morte di altri cani nei giorni precedenti.

Cinque in tutto, rinvenuti stamani nell’area portuale di Trapani, zona Ronciglio, non molto lontano dal luogo di attracco delle navi. Ancora poco è dato sapere della notizia ma la Polizia di Stato, subito contattata da Enrico Rizzi, coordinatore nazionale del Partito Animalista Europeo, ha dato piena disponibilità alle indagini oltre che per una intensificazione dei controlli. Così si è infatti espresso con lo stesso Rizzi, il dott Biagio De Lio Dirigente della Squadra Volanti della Polizia di Stato di Trapani.

Invitiamo i cittadini a collaborare – ha riferito il dott. De Lio – segnalando situazioni sospette al numero delle emergenze. A volte – ha aggiunto il Dirigente della Squadra Volanti – apparenti piccole segnalazioni possono per noi essere molto importanti“.

Stante le prime indiscrezioni  pervenute da ambiente veterinario, i cani presenterebbero gli evidenti effetti di una stretta morsa alla gola. Poi alcune mutilazione, come nel caso di un orecchio strappato. In tal senso, pertanto, sarebbero stati sgozzati. Non mano diretta dell’uomo, dunque, ma la sua presenza potrebbe essere molto vicina. Un cane lottatore o comunque abituato ad essere aggressivo con altri cani e fatto così allenare con randagi di strada. Un fenomeno, questo, che sarebbe stato notato in progressivo aumento in alcune città italiane. Nella stessa Trapani, ad esempio, fui proprio lo stesso Rizzi a segnalare nei mesi scorsi il fenomeno (vedi articolo GeaPress). In quell’occasione intervennero i Carabinieri (nella foto).

Ad accorgersi dei cani di zona Ronciglio, una donna che ha sporto denuncia.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati