GEAPRESS – Nuovo intervento del Nucleo Bracconaggio e Maltrattamenti Le.I.D.A.A., la Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente fondata e presieduta dall’ex Ministro del Turismo On. Michela Vittoria Brambilla. Dopo il successo dell’operazione condotta ai danni della primula rossa del bracconaggio (vedi articolo GeaPress), il Nucleo diretto da Antonio Colonna è intervenuto nei giorni scorsi a Inverso Pinasca, piccolo Comune a pochi chilometri da Torino.

Congiuntamente ai Carabinieri della Stazione di Villar Perosa comandata dal Maresciallo Gennero, si è potuto così riscontrare, riferiscono le Guardie della Le.I.D.A.A. la fondatezza di diverse segnalazioni riportanti la presenza di un cospicuo numero di cani da tempo segregati all’interno di un’abitazione privata. Tutti al buio in stanze piccole e sporche, senza che fossero in alcun modo assicurate le minime condizioni di benessere. Ancor più incredibile la sistemazione riservata ad alcuni di loro. Rinchiusi all’interno di piccoli trasportini da viaggio, senza nessuna possibilità di movimento.

Una situazione che, a quanto pare, si protraeva da diversi anni nell’indifferenza generale. Nessun intervento concreto per porvi rimedio. A ridurre in tali condizioni i cani, una coppia di coniugi di mezza età, entrambi deferiti all’Autorità Giudiziaria. Dovranno ora rispondere del reato di maltrattamento a danno di animali. Sempre a loro carico sono state inoltre contestate numerose violazioni per il mancato aggiornamento dei registri di carico e scarico dei bovini di una stalla attigua all’abitazione. Anche questi animali apparivano tenuti al buio.

Tutti i cani sono stati sequestrati e su autorizzazione della Procura della Repubblica di Pinerolo trasportati in luoghi più idonei. Cinque di essi sono stati presi in affido dal canile L.I.D.A. di Pinerolo, gli altri diciassette si trovano invece presso il canile della Lega Nazionale per la Difesa del Cane di Bibiana. Per tutti è finalmente venuto il momento di dire per sempre addio a quell’inferno in cui sono stati costretti a vivere per anni.

Presente anche Striscia la Notizia i cui filmati hanno mostrato a tutti le condizioni di detenzione dei poveri animali (vedi Video Striscia La Notizia).

Qualche perplessità, invece, sulle istituzioni preposte ai controlli sanitari. Dopo l’intervento della Le.I.D.A.A., qualcosa si inizia però a muovere. Un ringraziamento della Le.I.D.A.A è stato rivolto, oltre che al Comando Stazione di Villar Perosa, anche al Comando Compagnia di Pinerolo diretto dal Capitano Iacopini.

Senza il loro intervento – dice a GeaPress Antonio Colonna – quelle persone avrebbero continuato a vivere in quelle condizioni”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI FOTO: