gatto scuoiato
GEAPRESS – Ha provocato preoccupazione e timori, la notizia del gatto scuoiato appeso ad un albero di Torbole Casaglia (BS). Proprietari di gatti spaventati e reazione dovuta da parte del Sindaco. A Torbole Casaglia, nessuno ha torturato gatti, men che meno li ha appesi ad un albero.

Un animale, però, su quell’albero c’era. Secondo una prima ricostruzione, un cittadino in passeggiata con i suoi cani si sarebbe accorto del coniglio. Non era sull’albero ma a terra e per evitare che i cani potessero venire a contatto lo avrebbe riposto sull’albero.

A certifcare la presenza del coniglio, e non di un gatto, sarebbe pure intervenuta l’ASL dopo che il cittadino si era rivolto alle autorità locali che avevano così eseguito le opportune verifiche.

Il Partito Protezione Animali, che aveva diffuso la notizia del gatto, ritiene però che quell’animale fosse così esposto da più giorni, oltre che a presentare le zampe mozzate. E’ stato comunque chiesto all’ASL ed all’Istituto Zooprofilattico di rendere noti gli esami eseguiti. A visionare quella foto, spiega il PPA, erano stati alcuni professionisti che avrebbero espresso perplessità.

La denuncia alle autorità – dichiara Fabrizio Catelli, presidente del PPA – in ogni caso, è stata fatta per l’uccisione di animali, indipendentemente dalla sua natura e visionando lo stato in cui è stato abbandonato ritengo che il senso morale non debba venir meno se ci si trova davanti ad un gatto o ad un coniglio”.

Ricevuto uno scritto da parte dell’istituto zoo profilattico, se l’animale risulterà essere un coniglio e non un gatto, il partito protezione animali è pronto ad ammettere lo sbaglio nella descrizione dell’animale, fermo restando che chiederemo alle autorità di proseguire con le indagini per l’individuazione del o dei responsabili di questo reato, illecito punito dal codice penale“.

Comprendo – ha concluso Catelli – la necessità e la voglia di non alimentare un clima di paura nel comune di Torbole Casaglia e capisco anche il desiderio del primo cittadino di proteggere di falsi allarmismi i suoi stessi concittadini ma in questo caso, solo una valutazione ufficiale potrà davvero essere d’aiuto”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati