tai macellai cani
GEAPRESS – Intervento nella giornata di oggi della Polizia Tailandese che ha  provveduto ad arrestare due macellai di cani e a sequestrare il loro carico. Si trattava prevalentemente di parti già sezionate ordinatamente sistemate in decine di sacchetti di plastica. Poi anche cani spellati.

L’arresto dei due uomini, avvenuto lungo la strada per Tha Rae, nel  nord-est della Tailandia, è stato reso possibile grazie ad un agente infiltrato dall’ONG Soi Dog Foundation. Secondo la stessa Fondazione, l’area di intervento è individuata nel cuore del commercio di carne di cane della Tailandia.

Commerci che servono a rifornire prevalentemente alcuni stati confinanti.

Secondo le usanze locali, riferisce Soi Dog Foundation, i cani vengono spesso stipati fino a 10  per gabbia. Vengono poi macellati presso strutture abusive.  I due, sottoposti ad interrogatorio, hanno ammesso le loro responsabilità. La macellazione prima del trasporto sarebbe stata finalizzata ad occultare più facilmente il carico.

Soi Dog Foundation ha in corso una martellante campagna pubblicitaria volta a sensibilizzare l’opinione pubblica e ad invitare a collaborare con le forze di polizia comunicando eventuali segnalazioni di macellazione di cani. Un intervento interamente autofinanziato e per il quale l’ONG chiede di di venire ancora aiutata.

I due macellai  dovranno rispondere, oltre che dell’uccisione dei cani, anche del potenziale pericolo di diffusione di malattie infettive. Molta attenzione, infatti, viene riservata alla rabbia silvestre.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati