gabbiano reale
GEAPRESS – Si è rifatto vivo nella centrale piazza del Popolo a Savona il cosiddetto “fuciliere”. Ieri è stata la volta di un gabbiano adulto, atterrato in via Monti con un’ala perforata da un proiettile. Il volatile è stato soccorso dai volontari della Protezione Animali ed è ora in cura presso le strutture di ricovero dell’ENPA che rircorda inoltre come la piazza cittadina, con i giardini molto frequentati, non è nuova ad episodi di questo genere.

Secondo la Protezione Animali, il “fuciliere” protrebbe appostarsi da una finestra o terrazzo prospicienti.

Di certo, l’anno scorso è toccato ad alcuni colombi, precipitati  in via Verzellino. L’anno prima il cecchino ha centrato due tortore, cadute nei giardini. C’è poi il fenomeno degli avvelenamenti, che si ripetono mediamente due volte all’anno; il più recente è accaduto il 26 febbraio scorso e una decina di colombi e tortore rimasero uccise dal veleno così come hanno provato le analisi condotte dal Servizio Veterinario dell’ASL2 e dall’Istituto Zooprofilattico. L’esca era costituita da mangimi trattati con un potente topicida.

L’ENPA, le cui Guardie Zoofile volontarie stano svolgendo accertamenti, rivolge un appello ai residenti affinchè segnalino agli organi di polizia eventuali sospetti (ad esempio una canna metallica che sporge dalle persiane di una finestra). Non si tratta, riferiscono gli animali, solo un problema di maltrattamento di animali ma di sicurezza delle tante persone che attraversano la piazza e potrebbero diventare “vittime collaterali” della guerra dichiarata da un malvagio incosciente agli uccelli cittadini.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati