cucciolo morto carabinieri
GEAPRESS – Un cucciolo di cane meticcio, tipo pastore, è stato rinvenuto agli inizi di questa settimana nella immediata periferia di Santa Margherita Belice, in provincia di Agrigento. Il piccolo cane si presentava legato ad una zampa posteriore. Pendeva a testa in giù da un palo di recinzione.

Nei luoghi sono intervenuti i militari del locale Comando Stazione dei Carabinieri che hanno provveduto ai rilievi di rito. Al loro arrivo, però, la corda era già stata recisa.

Secondo i Carabinieri, oltre alla tremenda posa nella quale è stato trovato il corpo del cagnolino, non vi erano tracce di percosse o altre lesioni tali da fare presupporre un maltrattamento. Nulla, in altri termini, potrebbe escludere che il cane sia stato legato dopo la morte. I motivi sono ancora tutti da accertare, ivi compreso un ritrovamento accidentale da parte di un balordo.
I Carabinieri hanno  redatto un dettagliato rapporto, corredato di documentazione fotografica, che è stato consegnato alla Procura della Repubblica di Sciacca.

La scena era stata comunque immortalata da qualcuno. Gli scatti hanno indignato in molti tanto da suscitare, per quanto occorso al povero cagnolino, la riprovazione del Vice Sindaco del paese dell’agrigentino che ha annunciato una esposto alla Magistratura.

Nei luoghi è poi interventa la Polizia Municipale e l’ASl. Il piccolo corpicino, è stato già rimosso
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati