cassonetti
GEAPRESS – Una sacca che si muoveva tra due contenitori di immondizia. Un passante ha per fortuna notato la scena e all’apertura del sacco è stata ritrovata la lupetta terrorizzata. E’ successo a San Giorgio del Sannio in provincia di Benevento dove la cagnolina è stata subito soccorsa dai volontari della Lega Nazionale per la Difesa del Cane.

Si trattava, hanno spiegato gli animalisti, di un borsone per indumenti sportivi, chiuso e abbandonato fra i due cassonetti per l’immondizia. La cagnolina si presentava raggomitolata, un esserino peloso dallo sguardo spaventato. Chris, così è stata chiamata dai volontari della Lega Difesa del Cane, era stata condannata a morte.

Era letteralmente ricoperta di zecche e pulci – racconta Geltrude Fucci, presidente di Lega Nazionale per la Difesa del Cane di San Giorgio del Sannio – Probabilmente è stata proprio l’infestazione dei parassiti a determinare la sua sorte. Penso si tratti del cane di qualche cascina dove c’è del bestiame che le ha ‘passato’ i parassiti e che i suoi proprietari, invece di curarla, abbiano scelleratamente preferito disfarsene”

Subito sottoposta a un trattamento antiparassitario e alla profilassi per bloccare un’eventuale ehrlichiosi, Chris dagli esami è risultata un animale sano e ha subito dimostrato di possedere un carattere dolce e affettuoso leccando con gratitudine le mani dei volontari che l’hanno soccorsa. Ora ha tre o quattro mesi e da adulta diventerà presumibilmente di taglia medio – grande. Le verranno praticate le necessarie vaccinazioni e a breve potrà lasciare tranquillamente il rifugio LNDC se, come auspicano i volontari, verrà accolta in una casa.

Quindi la sezione lancia un appello per far sì che Chris trovi al più presto un’adozione consapevole che le faccia scoprire cosa significa crescere con persone che si prendono cura di lei, la amano e la coccolano.

Questa la mail messa a disposizione per le adozioni: geltrude.fucci@alice.it

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati