coda tagliata
GEAPRESS – La Lega Nazionale per la Difesa del Cane di Mola solleva un altro caso di abbandono e maltrattamento di animali a Rutigliano (BA). Questa volta si tratta di due cucciole che sarebbero state legate per giorni sotto il sole. La segnalazione è arrivata a Debora Abatangelo, responsabile della sezione locale, tramite alcuni abitanti della zona.

Milù e Lulù, questi i nomi dati alle cagnette risultate poi prive di microchip, sono state trovate pelle e ossa e con le code barbaramente recise. L’unico “riparo” era la pianta alla quale erano state legate con una corta catena. Questa era a sua volta attaccata a due piccoli collari in metallo, ormai fuori misura per i due cani. Nei pressi, assieme alle due cucciole, anche cinque povere galline denutrite e quasi del tutto spiumate.

La Lega Nazionale per la Difesa del Cane ha sporto denuncia alle Forze dell’Ordine e alla Procura della Repubblica per maltrattamento di animali a carico del proprietario del terreno in cui sono stati rinvenuti gli animali.

Ora siamo sicuri che Milù e Lulù sono felici grazie alle coccole e le attenzioni dei volontari  – afferma Debora Abatangelo, responsabile della LNDC – anche se non potranno più comunicarlo agitando la loro coda barbaramente recisa, ma che ricordiamo ancora una volta è indispensabile per la comunicazione tra cani, al pari delle orecchie, altra parte che spesso viene orrendamente mutilata“.  L’obiettivo della Lega Nazionale per la Difesa del Cane, è ora trovare una sistemazione in famiglia.

Credo sia necessario – ha aggiunto la responsabile della Lega Difesa del Cane – lavorare molto sulla prevenzione attraverso campagne di sensibilizzazione ed informazione volte a promuovere un corretto rapporto uomo-animale e la conoscenza delle leggi a loro tutela. Chiunque decida di accogliere presso di sé un animale deve farlo con la piena consapevolezza di essere moralmente e giuridicamente responsabile del suo benessere. In Italia  – conclude Debora Abatangelo – vi sono milioni e milioni di animali domestici e milioni di persone che li rispettano e ne hanno adeguata cura. Purtroppo, però, esiste anche una notevole quantità di gente irresponsabile e crudele, che perpetra ai danni di tante povere creature crimini di inaudita ferocia“.

Gli animalisti invitano ora a denunciare i casi di maltrattamento. Basterebbe un po’ di attenzione a ciò che fanno le persone. Alle istituzioni nazionali e locali, oltre che ai singoli cittadini la Lega Nazionale per la Difesa del Cane chiede di fare prevenzione ed adottare interventi responsabili come la sterilizzazione di cani e gatti, l’iscrizione all’anagrafe canina, evitare di acquistare animali e scegliere invece l’adozione di un animale abbandonato o che vive in un canile, anche se adulto o bisognoso di cure.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati