GEAPRESS – Continua il sequestro degli allevamenti fai da te in giro per l’Italia. Dopo il ritrovamento di 365 cani a Modica (vedi articolo GeaPress) è ora la volta di 24 altri animali, tra cui svariati cuccioli, già sottoposti nel passato a sequestro amministrativo operato nel Comune di Colonna (RM).

Ad intervenire il NIRDA (Nucleo Investigativo per i Reati in Danno agli Animali) del Corpo Forestale dello Stato ed il servizio veterinario dell’ASL RMH. Scomparsi alcuni cani del precedente sequestro, mentre uno è stato rivenuto in stato di agonia e non è, purtroppo, sopravvissuto.

Pechinesi, Jack Russel, Cocker, ed altre tipologie di cani cosiddetti da compagnia ed utilizzati sicuramente per la vendita. Di questo ne sono convinti gli stessi inquirenti che hanno ritrovato i poveri animali ( i cuccioli erano addirittura nascosti all’interno di un fabbricato) circondati da feci ricoperti di muffa e, in generale, in gabbie sporche e in condizioni igienico sanitarie pessime.

A completare il quadro il cibo scarso, l’assenza di documenti attestante la provenienza dei cani oppure libretti sanitari non riconducibili agli animali presenti al momento del controllo.

L’edificio adibito ad allevamento risulterebbe lo stesso dell’abitazione degli indagati. Probabilmente una famiglia del luogo nota anche in altri centri del comprensorio dei Castelli Romani per l’attività di allevamento e probabile vendita dei cani. I due responsabili sono stati denunciato per maltrattamento di animali e condizioni incompatibili con la loro natura. Tutti i cani sono stati trasferiti in strutture idonee.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati