GEAPRESS – Il pappagallino veniva portato in giro sopra una sorta di scrigno di legno. Serviva così ad attirare le persone ed ottenere l’elemosina. L’attività evidentemente rendeva, visto che il pappagallino era presente spesso nello storico mercato romano di Porta Portese.

A seguito, infatti, delle segnalazioni pervenute, le Guardie Zoofile dell’ENPA rintracciavano il presunto mendicante, originario della provincia di Napoli, contestando la violazione del regolamento Comunale di Roma che vieta l’utilizzo degli animali per l’accattonaggio.

Sottoponendo il povero pappagallo ad un controllo veterinario risultava, inoltre, che gli erano state tagliate le penne rimiganti. In tal maniera l’uccellino non sarebbe potuto volare, cosa che probabilmente avrebbe fatto ben volentieri per togliersi di mezzo lo stress di quel supplizio. Il proprietario veniva così denunciato per maltrattamento di animali e l’uccellino affidato alla custodia dell’ENPA.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati