cocorite sequestro
GEAPRESS – Intervento delle Guardie Zoofile della sezione romana dell’ENPA. A finire denunciata per maltrattamento di animali è stata una donna che praticava l’accattonaggio facendo esibire due pappagallini. Ai due poveri animali erano state tagliate le penne remiganti.

Non un posto lontano da occhi indiscreti, ma addirittura nella famosissima Fontana di Trevi, nel cuore di Roma, sotto gli occhi di centinaia di turisti.

I due pappagallini, sono stati posti sotto sequestro grazie all’intervento delle Guardie coordinate da  Claudio Locuratolo. Una volta sottoposti alla visita veterinaria è stata rilevata la presenza del taglio. Questo, riferisce l’ENPA nel suo comunicato, con lo scopo di impedirne il volo.

L’ENPA precisa come la pratica dell’accattonaggio nel comune di Roma è vietata con Ordinanza sindacale fin dal 1997.  Il divieto è stato poi recepito  dal Regolamento comunale. Secondo la Protezione Animali, i poveri animali vengono usati per intenerire i passanti i quali,  inconsapevoli di alimentare tale sfruttamento, lasciano la moneta all’aguzzino di turno. Gli animali, spesso cuccioli di cane e gatto ma anche uccelli, una volta non più funzionali all’accattonaggio, hanno un futuro quantomeno incerto. Per questo l’ENPA rivolge un appello ai cittadini affinché non contribuiscano a questa pratica illegale.

I pappagallini sono ora al sicuro, presi in custodia all’ENPA di Roma.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati