GEAPRESS – Costano ben 800.000 euro di denaro pubblico le inutili stalle per le botticelle romane. Soldi buttati al vento, quando per i 42 vetturini si sarebbe potuto trovare una soluzione diversa che non certo continuare a mantenerli a suon di centinaia di migliaia di euro. Utilizzano cavalli che, secondo l’ENPA di Roma, sono costretti a lavorare nel traffico cittadino per un servizio vetusto che crea sofferenza e in alcuni casi purtroppo anche la morte. Solo pochi giorni addietro, ricordano dall’ENPA di Roma, vi è stato un altro incidente con un cavallo ferito e il vetturino in ospedale. Solo l’ultimo evento di una lunga scia di cavalli morti e feriti.

Per questo l’ENPA romana lancia un appello al Sindaco Gianni Alemanno.

Lasci almeno un segnale positivo di questa amministrazione in favore della tutela degli animali” dice Claudio Locuratolo, Presidente della sezione romana di ENPA . Tutela, però, che fino ad oggi sembrerebbe essere stata negata. Ad affermarlo è la stessa ENPA che ricorda come l’amministrazione capitolina guidata da Alemanno ha di fatto eliminato l’Ufficio Diritti Animali per sostituirlo con un “osservatorio” nascosto nelle pieghe del settore relativo al Decoro urbano.

L’unica iniziativa che è riuscita a mettere in campo il Campidoglio per i poveri cavalli delle botticelle – ha aggiunto Locuratolo – è la costruzione delle stalle all’interno di Villa Borghese, con grande scempio ambientale e una spesa di circa 800,000 euro di denaro pubblico.

Per l’ENPA i vetturini rappresentano una sorta di casta intoccabile. Sono appena 42 eppure riescono a dettare la linea politica al Sindaco e ai suoi delegati. Per l’ENPA verrebbe in tal maniera imposto un servizio pubblico che tale non è, visto che i soldi vanno nelle tasche dei vetturini e ai romani non resta che l’indignazione e la vergogna delle immagini dei cavalli stesi sull’asfalto romano, mostrate in tutto il mondo dai maggiori network.

Signor Sindaco – si appellano all’ENPA – La preghiamo di lasciarci un segno tangibile della sua amministrazione per il rispetto degli animali, qualcosa di storico, qualcosa da ricordare positivamente, non ci lasci soltanto delle vane promesse e la cruda cronaca di sofferenza di esseri sensibili e indifesi.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati