GEAPRESS – Petardi ed animali, un connubio spesso letteralmente esplosivo! Un lungo elenco di segnalazioni di cani, gatti, finanche cavalli ed uccellini presi dal panico dai botti di fine anno. Telefonate frenetiche in cerca del veterinario alle 00.01 del 2011. Calmanti o consigli di medicine naturali ,tutto quanto occorre per tranquillizzare il proprio animale (vedi articolo GeaPress).

A volte veri e propri attentati. Come il cane di Sannicandro, in provincia di Bari, finito con i petardi (vedi articolo GeaPress) esplosi dai ragazzi che però sembra non volessero far del male (… e che così non saranno puntiti). Poi, sul finire di dicembre, il cane vicino Albano Terme, in provincia di Padova. In quel caso è difficile credere che gli autori del cane dilaniato non avessero avuto intenzione di ucciderlo. Il petardo era stato legato a delle pietre che, al momento dello scoppio, sono state letteralmente proiettate sul povero cane. Due automobili sono state viste allontanarsi a forte velocità dopo l’esplosione.

I casi, se possibile, ancora più incredibili sono però avvenuti in questi giorni a Pontedera (PI) e Ghilarza (OR). Nel primo caso, un alano, divelto il recinto proprio a causa dei botti, è poi rientrato a casa…. con un colpo di arma da fuoco al petto. A denunciare il tutto l’associazione DAV ( Difesa Ambiente Animali e Vita). Secondo la stessa Associazione tempo addietro è capitata la stessa cosa ad un gatto.

A Ghilarza, invece, è successo di tutto. Luna, piccola meticcia di ben 12 anni, è fuggita terrorizzata dai botti. La padrona si mette subito alla sua ricerca e scopre così che il piccolo animale è finito sotto una macchina. La donna che era alla guida del mezzo sarebbe stata vista da alcuni testimoni. Si è fermata, è scesa dal suo Mercedes, se ne è fregata del cane e dopo avere controllato se l’automobile si fosse danneggiata, è andata via.

La cagnetta, che soffre anche di diabete, è già stata dimessa dalla clinica veterinaria dove è stata operata per la frattura del bacino. E’ rientrata nella sua casa, sebbene sia ancora sotto shock. La proprietaria di Luna, che è anche un avvocato, vorrebbe ora denunciare il tutto. Il nuovo Codice della strada sanzionerebbe chi, investendo un animale d’affezione, non si ferma a soccorrerlo. A Rovereto, però, il padrone di un cane investito è stato multato per omessa custodia. In quel caso l’investitrice si era fermata a soccorrere il cane (vedi articolo GeaPress).

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati