cane morto
GEAPRESS – Pene più severe per chi maltratta, abbandona o uccide animali. E’ questa la proposta del Movimento 5 Stelle in tema di maltrattamenti di animali presentata da Serenella Fucksia, senatrice del Movimento 5 Stelle.

Il tutto è racchiuso in un Codice dei diritti degli animali, volto a riorganizzare l’intera materia. “Gli animali non hanno voce – ha riferito la Senatrice Fucksia –  ma hanno il diritto al rispetto e a non subire sofferenze e crudeltà”.

Secondo quanto riportato nel comunicato del Movimento 5 Stelle, la proposta contro i maltrattamenti si pone l’obiettivo di uniformare ed elevare su tutto il territorio nazionale gli standard di tutela e garanzia degli animali. Il riferimento è sia per quelli da compagnia, che per quelli allevati per altri scopi. In particolare, si dà delega al Governo per la stesura di un Testo Unico, in modo che tutta la materia venga riordinata e disciplinata. Per quanto riguarda gli animali da compagnia, la proposta modifica la Legge quadro n. 281 del 1991, arricchendola di ulteriori garanzie ed obblighi. Non si parla più di proprietari degli animali, ma di “tutori”, intesi come coloro che amorevolmente li accolgono nello stato di famiglia.

Vengono inasprite le pene per chi maltratta ed uccide gli animali, ma anche per chi li abbandona. Sempre secondo il Movimento 5 Stelle viene attenzionata la professionalità del veterinario e la gestione del rischio clinico animale, si elimina l’IVA sulle prestazioni veterinarie e si riduce per l’acquisto di prodotti farmaceutici animali.

Si introducono – ha dichiarato la senatrice M5S – misure volte a favorire la sperimentazione alternativa a quella animale, venendo incontro ad un’esigenza avvertita sempre più dai cittadini, che hanno maturato nei confronti degli animali una maggiore sensibilità e comprensione. Ma si apre la strada anche a nuove opportunità lavorative e professionali, allargando gli orizzonti della ricerca scientifica con l’adozione di tecnologie avanzate, già in uso in altri Paesi. Ed infine, si inserisce la pet-therapy come valore aggiunto nella pratica medica. Si tratta – ha concluso Fucksia- di disposizioni diverse ma tutte orientate a garantire dignità e rispetto per gli abitanti che condividono con noi gli stessi spazi, lo stesso presente ed un futuro migliore

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati