muscardini
GEAPRESS – Interrogazione dell’Onorevole Cristiana Muscardini alla Commissione europea in merito ai numerosi episodi di violenza nei confronti degli animali. Violenza che a leggere l’atto stilato dall’Europarlamentare italiana, sembrerebbe finanche legalizzata. L’On.le Muscardini solleva infatti il caso degli “scinteri”, personaggi che sarebbero pagati dalle autorità macedoni per rastrellare i cani e consegnarli ai centri di raccolta ove avviene la soppressione. Proprio in questo paese, esistono solo sei canili  in condizioni, afferma l’On.le Muscardini, terribili. A Skopje, poi, l’unico rifugio gestito da volontari. C’è il poi il caso, tanto discusso, delle “perreras” spagnole dove i cani vengono soppressi dopo pochi giorni dal ricovero.

Per l’On.le Muscardini, sarebbe tutto frutto di una cultura secondo la quale gli animali sono “senz’anima”, cioè non senzienti. Eppure nonostante le campagne promosse dall’Istituzione europea sembra che l’unica speranza per la salvezza dei randagi, sia rappresentata dai progetti di collaborazione fra associazioni animaliste locali e volontari di altri Paesi europei in cui esistono organismi di tutela. Un esempio riportato nell’interrogaizone ed affermato dall’associazione “L’Arca di Noè”.

Dunque alla Commissione viene chiesto cosa si propone di fare per contribuire a far diminuire la violenza brutale  ed educare le giovani generazioni al rispetto di esseri che sono, sottolinea l’On.le Muscardini, senzienti.

Educazione ed incentivi in tal senso, come nel caso della proposta avanzata dalla stessa parlamentare di un “premio europeo” per le associazioni di volontariato e per i Comuni che meglio riescono a gestire sul loro territorio il randagismo senz ainutili vionenze.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati