incappucciati
GEAPRESS – La telecamera di sorveglianza ha immortalato il momento dell’abbandono. Ore 23.04 dell’11 ottobre, ovvero ieri sera. Due persone incappucciate trasportano velocemente  una scatola di cartone. Il contenitore  sembra ben chiuso con del nastro adesivo. Così, infatti, viene riposto ai piedi della saracinesa del negozio “Da zero a quattro zampe”. Manuela Bommarito, che gestisce il punto vendita di prodotti dedicati agli animali, è nota per la sua sensibilità verso gli animali. Gli incappucciati, evidentemente, ne sono consapevoli così come della presenza della telecamera. I “bastardissimi”, così si sente commentare il video quando viene visionato, hanno appena il tempo di riporre in terra la scotola ed andare via.

Otto cuccioli di rottweiler, infestati di pulci. Nella notte, in piazza Diodoro Siculo a Palermo, succede di tutto. I cuccioli riescono ad aprire la scatola. Si vedono addirittura delle persone fermarsi, raccogliere i cuccioli e riporli nel contenitore. Una scena che si ripete più volte a due passi dalle macchine che sfrecciano nella trafficata via del centro di Palermo. Poi, all’apertura del negozio, la sorpresa. Sette femminucce ed un maschietto di circa 50 giorni di vita. Il primo pensiero va alla telecamera. Si spera, così, di potere denunciare i “bastardissimi”. Ed invece eccoli lì, con il caldo vento di scirocco che iniziava a soffiare su Palermo, loro erano incappucciati come in alta montagna.

Pulci a parte, i cuccioli sembrano stare bene. Manuela si prende subito cura di loro. Puliti e sverminati. “Verranno dati in adozione – riferisce a GeaPress Manuela Bommarito – ma solo a chi in possesso di determinati requisiti. Purtroppo, al di là dell’impressione che trattasi di un ragazzo e di una ragazza, nulla si può dire sugli autori dell’abbandono. Conciati in quella maniera, è praticamente impossibile“.

La speranza è che qualcuno, riconoscendo i cuccioli, possa fornire le informazioni per rintracciare i colpevoli dell’abbandono.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI VIDEO: