cocker
GEAPRESS – Il Tribunale di Padova ha emesso Decreto Penale di condanna a carico di un uomo, accusato di avere fatto vivere due Cocker nella sporcizia. I due cani, in base a quanto formulato dall’accusa, sarebbero stati picchiati e poi privati delle cure veterinarie.

Un fatto indegno di una società civile. Questo ha riferito l’eurodeputato Andrea Zanoni in un suo comunicato secondo il quale “dopo fatti del genere viene da chiedersi chi è la vera bestia“. La speranza di Zanoni è che in un periodo di crisi le pene pecuniarie siano da monito e facciano da deterrente per chi considera gli animali oggetti.

I fatti erano avvenuti a Legnaro (PD). Dei due cani la femmina di quattro anni riuscì a sopravvivere, mentre il maschio era stato trovato già morto. Ad intervenire dietro segnalazione, furono le Guardie Zoofile della LAC (Lega per l’Abolizione della Caccia) di Padova.

Al loro arrivo la Guardie volontarie trovarono la cockerina vicino al suo compagno, già in stato di decomposizione all’interno di una buca che forse era stata scavata per trovare refrigerio.

La cagnolina era terrorizzata – ricorda l’On.le Zanoni – piena di pulci e zecche, con rigonfiamenti alle orecchie. Il corpo, poi, era ricoperto di sangue coagulato e con un collare tanto stretto da avere difficoltà a toglierlo.

Secondo i veterinari dell’Istituto Zooprofilattico di Legnaro, l’animale era deceduto per infezioni non curate.

L’On.le Andrea Zanoni si è complimentato con le Guardie LAC di Padova per essere riuscite a sottrarre la cagnolina, subito posta sotto sequestro ed affidata ad un canile

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati