noto cani avvelenati
GEAPRESS – Una cagna con tutti i suoi cuccioli sono stati uccisi oggi a Noto (SR) a causa dalla probabile distribuzione di una sostanza avvelenata. Dell’uso della sostanza tossica ne sono però convinti gli animalisti della zona che ricordano i numerosi avvelenamenti già registrati negli ultimi tempi. Proprio ieri, una cane era morto, si pensa sempre a causa del veleno, nei pressi della Villa Comunale.

Ad indignare in loco è anche la periodicità di tali avvelenamenti, tanto da fare pensare ad una sorta di “pulizia” dei cani di strada.

La situazione è drammatica – riferisce a GeaPress Daniela Carnemolle, volontaria dei luoghi – Quei cagnolini si conoscevano, li avevamo pure fotografati. Poi è arrivato il veleno ed oggi li abbiamo trovati così,  tutti morti, come tanti altri. Dei cani avvelenati finora ho tutte le foto. Sono tantissimi, una situazione drammatica; sembra quasi una sorta di pulizia territoriale che non ha risparmiato neanche i cani sterilizzati”.

Intanto una cagna con i suoi sei cuccioli di circa due mesi di vita, è l’ultima vittima della crudeltà dell’uomo. Per loro, come per gli altri animali uccisi, difficilmente si scoprirà l’autore dello scempio. Si spera, almeno, che lo sdegno possa servire a fermare tali atti, ma la conta degli animalisti è molto lunga. Sarebbero oltre cento i morti nel corso delle “periodiche pulizie” compiute da mani ignote. In un sol colpo, oggi, sono andate via sette vite.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati