GEAPRESS – Con una lettera inviata al Presidente del Consorzio di bonifica Est Ticino Villoresi, la LAC di Milano torna alla carica sulle morie di pesci che ormai da fine settembre si perpetuano nei Navigli milanesi.

Con una recente Ordinanza, infatti, il Consorzio di bonifica ha ulteriormente prorogato al 19 novembre le asciutte autunnali del Naviglio grande, del Naviglio di Bereguardo e del Naviglio di Pavia.

Contrariamente a precedenti esperienze non si sono mantenuti, per la pulizia dei Navigli, i 30 cm d’acqua che avrebbero consentito ai pesci ed agli altri esseri acquatici di potere continuare a vivere. Il motivo della deroga sarebbero ora le avverse condizioni metereologiche come se, sottolineano dalla LAC, qualche giornata di pioggia tra ottobre e novembre fosse così difficile da prevedere.

Inoltre, se le pulizie delle sponde dovevano avvenire con il bel tempo non si capisce perchè da fine settembre, data di inizio delle asciutte, a fine ottobre nulla si è fatto. Eppure si è trattato di un mese particolarmente povero di precipitazioni.

Il rischio secondo la LAC è che le recenti piogge, che hanno sicuramente dato ossigeno ai non molti pesci sopravvissuti al prosciugamento dei Navigli, possano trasformarsi in un boomerang qualora si dovesse attendere nuovamente il completo prosciugamento prima di cominciare i lavori di pulizia e manutenzione. (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).