GEAPRESS – Un lager sebbene nato senza brutte intenzioni. L’incompetenza di una anziana signora degenerata assieme alla verosimile mancanza di controlli. Hanno scoperto il tutto a Montella (AV) le Guardie del WWF di Avellino, coordinate dal Nucleo di Salerno.

Trenta cani malati e denutriti, costretti a vivere in un luogo sporco e privo di ogni assistenza degna di questo nome. Animali liberi di accoppiarsi e di sbranarsi tra loro. In più, una sorta di improprio cimitero dove erano stati malamente seppelliti i corpi di altri cani.

Malattie croniche specie ai danni della pelle e ferite provocate dei morsi, divenute ormai infette. La signora è stata denunciata per maltrattamento di animali oltre al fatto che si sono dovuti elevare i verbali amministrativi per la mancata registrazione degli animali presso l’anagrafe canina.

Sul luogo si è reso necessario, anche per una adeguata sistemazione dei poveri cani, l’intervento dell’ASL territorialmente competente e del Comando Compagnia dei Carabinieri di Montella.  

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati